HOME PAGE  IL NOSTRO GIORNALE   DOCUMENTI   I SITI DEI COMPAGNI   IL MERCATINO  ARTE   A TAVOLA CON IL MANTECA   ARTE

Recensione di "Una questione privata", di Beppe Fenoglio

A cura di Enrico Campofreda

Scriveva Italo Calvino, che come pochi intuì la grandezza di Fenoglio e ne diffuse l’opera, che Una questione privata "E’ costruito con la geometrica tensione d’un romanzo di follìa amorosa e cavallereschi inseguimenti come L’Orlando furioso, e nello stesso tempo c’è la Resistenaza proprio com’era di dentro e di fuori, vera come era stata scritta, serbata per tanti nni nella memoria fedele, e con tutti i valori morali. Ed è un libro di paesaggi, ed è un libro di figure rapide e tutte vive, ed è un libro di parole precise e vere. Un libro assurdo, misterioso, in ciò che s’insegue, si insegue per inseguire altro e quest’altro per inseguire altro ancora e non si arriva al vero perché…"

La storia ha l’intreccio del noir e uno sviluppo epico nelle gesta del protagonista, il partigiano Milton, che è anche un giovane innamorato. Rimane l’aria di mistero sul suo affannarsi per salvare Giorgio catturato dai fascisti. Milton lo fa perché questi è un partigiano? perché è un suo amico? perché in una sua morte prematura porterebbe con sé il segreto d’una possibile relazione con Fulvia, la ragazza amata da Milton? Il romanzo si chiude e il lettore non saprà mai se Milton ha raggiunto il suo scopo.

Come sempre nel suo narrare la guerra partigiana l’autore è diretto. Nessuna retorica, anzi nella successione dei flashes appare tutta la precarietà di quella scelta (i cibi scarsi, la fatica fisica di fughe e rincorse, le malattie contratte). La paura della morte, l’odio per il nemico ma anche il rispetto per chi mostra coraggio e qualche meschinità presente nelle proprie fila. Poi l’imprevedibilità e l’indeterminatezza degli eventi che possono segnare il cammino personale con rovesci repentini, fatali o favorevoli. Milton, Giorgio, il sergente fascista, Riccio possono vivere o morire: il destino non ha preventivato nulla. Lo decide all’ultimo secondo e forse, mentre il fatto accade, può anche cambiare idea.

L’uso della lingua e l’originalità stilistica sono altre perle della prosa fenogliana. Si leggono descrizioni a metà fra la metafora e la pennellata leonardesca. La natura (la terra fradicia e nera, le colline dal diluvio annerite e slavate, l’acqua del Belbo scura, pastosa e gelida, la luna smozzicata e trasparente come una caramella lungamente succhiata). La nebbia (Un mare di latte. Spaventosa, nemmeno a chinarmi vedevo più la strada e i piedi che vi si posavano sopra), la pioggia (Fitta, pesante e obliqua), il vento (che cresceva dalle tombe spalancate di uno di quei cimiteri d’alta collina. Così forte e radente che scrostava la ghiaia dal suo letto di fango), il fango (son fatto di fango dentro e fuori, dice Milton). E ancora le intemperie (Camminavano in cresta pigliando di fatto un vento forte, sinistro d’un freddo già invernale), la salute del partigiano (Voi partigiani sempre all’aperto, come v’asciugate? Milton tossì a scoppi, a schianti con le stelle e i lampi rossi e gialli nel cielo nero degli occhi serrati. Dentro ci sono tre miei uomini con la scabbia. Ti presentano dei pezzi di legno e ferro perché li gratti con quelli. Le unghiate non le sentono più). La tensione che sale (il cuore gli batteva, anzi sembrava latitante dentro il suo corpo), l’odio della popolazione verso i fascisti (Quando finirà patriota? Verrà pure quel giorno – disse il vecchio guardando Milton con troppa intesità. E allora non ne perdonerete nemmeno uno voglio sperare. Tutti li dovete ammazzare perché non uno di essi merita di meno. La morte è la pena più mite per il meno cattivo di loro. Se vi lascerete prendere dalla pietà farete peccato mortale, sarà un vero tradimento).

TRAMA

La storia inizia davanti alla villa di Fulvia dove Milton, ora partigiano, s’è recato con alcuni compagni. In quei luoghi, fino al ’42, da studente aveva frequentato una ragazza benestante. I tempi sono cambiati, ora c’è una guerra feroce proprio fra le colline della spensierata gioventù e delle prime infatuazioni amorose. Allora Milton era alto, scarno, con occhi tristi e ironici, Fulvia gli diceva: "Hai occhi stupendi, la bocca bella, una bellissima mano, ma complessivamente sei brutto". Però si capiva che ne era attratta (Tu, tu, tu hai una maniera di metter fuori le parole). Milton stravedeva per lei. Con loro c’era anche Giorgio Clerici (il più bel ragazzo di Alba, anche il più ricco ed elegante) giocava a tennis con la giovane mentre Milton guardava e si dava un contegno fumando.

Dalla villa esce la custode, riconosce Milton e gli parla. Fulvia è riparata in città coi familiari, era rimasta sola in villa fino a qualche tempo prima e aveva ricevuto certe visite serali di Giorgio che avevano preoccupato la custode "Il signorino Clerici mi fece inquietare e anche arrabbiare". Cos’era accaduto in quelle visite? Milton è roso dal desiderio di sapere, deve assolutamente parlare con Giorgio che milita nello stesso reparto badogliano.

Rientra nel presidio e trova la solita routine: guardie, servizi, pattuglie e chiacchiere in attesa dell’azione. Dalla vita coi compagni dai nomi romanzati (Sceriffo, Cobra, Jack) o normali (Nico, Rafé) emergono contraddizioni: gli odori rinserrati dei luoghi chiusi, la sopportazione degli altri, non sempre elementi sopraffini. Ma Milton fa gruppo, cosa che Giorgio (definito pigiama di seta, perché dorme con quello sulla paglia) evita accuratamente. Lui mostra ampie dosi d’individualismo dormendo, mangiando, fumando solo e dandosi il borotalco.

Però è un partigiano valoroso, non si esenta da qualsiasi servizio. Una notte ha uno scontro violentissimo con Jack, che aveva lasciato il suo posto di guardia (lo coprì di nomacci dei quali figlio di puttana era il più bello). Ma c’è un motivo: fuori una nebbia come mai s’era vista vanifica qualsiasi controllo. Il gruppo partigiano riparte ed è in questo spostamento che Giorgio scompare. I suoi sapranno dalla testimonianza dei contadini che è finito in bocca alla colonna fascista di Alba in azione di rastrellamento. Dopo la cattura lo portano in città come un trofeo. Ora rischia la fucilazione.

Milton si agita, deve assolutamente parlare con Giorgio. Che serve vivo alla causa partigiana e serve vivo a lui per sapere cosa c’era stato con Fulvia. L’amico partigiano e rivale in amore deve vivere a ogni costo. Dunque s’affanna a trovare qualcuno per uno scambio (la verità è una partita di verità fra me e lui, dovrà dirmelo da moribondo a moribondo).

Milton cerca un prigioniero anche fra i rossi, per quanto i suoi gli ricordano che è inutile (in mano loro un prigioniero non fa in tempo a essere tale). Prova egualmente, trova solidarietà (l’importante non è essere rossi o azzurri, l’importante è scorciare tanti neri quanti ce n’è) ma non l’ostaggio che cerca. Sale e scende dai mastodontici mammelloni e pur giovane è provato nel fisico (si massaggiava il petto che gli doleva in ogni punto, i polmoni pareva si sfregassero l’uno contro l’altro). Una vecchia gli rivela come prelevare un sergente fascista che andava a visitare una donna nella zona.

Milton si prepara e l’agguato riesce. Per quel sergente il comando fascista gliene avrebbe venduti tre di Giorgi, cerca di tranquillizzarlo parlandogli dello scambio ma non serve: a un certo punto quello tenta la fuga (No urlò Milton e gli risparò mirando alla grande macchia rossa che gli stava divorando la schiena). Così si ritrova ancora senza ostaggio per lo scambio. Parla con altri patrioti che gli ricordano il trattamento diverso riservato dai fascisti ai partigiani ignoranti, sbattuti subito al muro, e agli studenti come lui e Giorgio, che prima della fucilazione sono processati.

Alla notizia della morte del sergente due ragazzini, staffette partigiane, vengono appunto uccise. Inizialmente sono increduli e hanno terrore (Assassini, mamma questi mi ammazzano). Uno, Riccio, trova l’orgoglio e intima ai carnefici (La torta che mi ha mandato mia madre datela al primo partigiano che entra nella vostra maledetta prigione. Guai se la mangerà uno di voi). Piove a piombo, gocce dentro e fuori, Milton è sempre alla disperata ricerca dei suoi uomini: l’ostaggio e Giorgio. D’improvviso incappa nell’ennesimo rastrellamento e rischia d’essere impallinato da una cinquantina di soldati (due pallottole si conficcarono a terra vicino a lui, morbide e amichevoli e gli sparavano d’anticipo come a un uccello). In un lampo da cacciatore diventa preda, corre (ma senza contatto con la terra, corpo, movimenti, respiri, fatica vanificati). Si salva planando in un bosco.

 

EDIZIONE ESAMINATA e BREVI NOTE

Beppe Fenoglio (Alba 1922 - Torino 1963), scrittore italiano

Beppe Fenoglio, Una questione privata, Einaudi, Torino, 1986

 

pubblicato anche su: www.Lankelot.com e www.bellaciao.org/it/ e www.piazzaliberazione.it