HOME PAGE  IL NOSTRO GIORNALE   DOCUMENTI   I SITI DEI COMPAGNI   IL MERCATINO  ARTE   A TAVOLA CON IL MANTECA   ARTE

 

 

 

 

IL "SENSO" DELL’HIPPIE

Che cos’è un hippie? Molti risponderebbero che i figli dei fiori sono personaggi degli anni 60, vestiti in modo strano, che giravano per la strada a piedi nudi, praticavano il sesso liberamente e facevano uso di LSD. Il dizionario definisce un Hippie come un soggetto non conforme ai campioni della società e sostiene un atteggiamento e uno stile di vita liberali. Queste descrizioni limitate però, non riescono a dare l’idea di cosa, nel cuore dei figli dei fiori, motiva il loro comportamento. Quella dell’hippie può sembrare solo una moda un po’ eccentrica, ma in realtà, tutto ciò che riguarda gli hippies ha un senso.

Il senso dell’hippie è antietico a tutte le strutture gerarchiche, in quanto queste, sono avverse agli obiettivi di pace, di libertà e d’amore che sono da sempre i tre punti fondamentali della cultura hippie. Negli anni 60’, le "istituzioni" hanno temuto e soppresso il movimento hippie perché era considerato un pericolo per l’ordine stabilito.

Gli hippies non impongono ad altri la loro credenza, ma si limitano a sperare di cambiare il mondo vivendo per ciò in cui credono. Per essere un figlio dei fiori, bisogna credere nella pace ed eliminare le differenze di razza, ideologia e religione. Amare significa accettare gli altri per ciò che sono, dare loro la libertà di esprimersi e non giudicare nessuno solo basandosi sulle apparenze. È appunto questo il nucleo della filosofia hippie. La libertà è la virtù prominente nella loro società. Il sistema sociale però, non ha mai reso loro possibile di vivere senza sacrificare i loro valori.

Un’altra credenza particolare della loro filosofia è una spiritualità"terrosa", cioe la presenza in gaia (la terra come organismo), nel movimento e nell’essere in vita anche delle piante. Queste vedute filosofiche riflettono un rispetto per la natura e per il pianeta, che sono sicuramente assenti nella società capitalista e materialista in cui viviamo.

Così, essere un hippie non è un aspetto del vestire ma del comportamento, della condizione economica o dell’ambiente sociale, ma è una filosofia di vita che da risalto alla libertà, alla pace, all’amore ed al rispetto reciproco. Il senso dell’hippie non è mai morto, anzi credo che tutti noi dentro, siamo un po’ figli dei fiori, purtroppo questa pulsione viene repressa dalla società e dalla quotidianità in cui siamo inseriti.

 

A cura di Selene F.